Il Comune di Vellezzo Bellini con quali risorse costruirà il nuovo plesso? «E’ in corso una valutazione». I fondi per la scuola e il jolly dell’accordo con l’azienda

Da “Punto di Vista” di ottobre 2016

Vellezzo Bellini (PV) – Sul fronte economico, la realizzazione della nuova Scuola Primaria potrà avvenire auto-finanziando l’intervento da parte del Comune di Vellezzo Bellini (almeno parzialmente) con degli specifici accantonamenti, in parte accendendo mutui compatibilmente ai vincoli previsti dalla finanza pubblica e infine potendo contare sulla convenzione con l’azienda “Acqua & Sole” che ha insediato nel territorio comunale l’impianto per la lavorazione dei fanghi da depurazione, operativo da questa primavera.

L’accordo, sottoscritto fra la precedente Amministrazione Mossini e l’azienda, infatti, prevede che la stessa versi al Comune di Vellezzo Bellini un corrispettivo (in parte anche al Comune di Rognano, n.d.r.) fino ad un massimo di 240mila euro all’anno (120mila al Comune di Rognano, n.d.r.) e li riceverà sempre finché l’attività andrà avanti (120mila tonnellate di fanghi in ricezione, dopo il trattamento, essendo lavorati e diluiti, diventano 192mila tonnellate in “spandimento digestato”, n.d.r.).

Oltre a questo, il Comune aveva pattuito di poter esercitare un controllo da parte pubblica su quello che si produce in questo centro ed un extra di 15mila euro all’anno per svolgere eventuali analisi; infine era stato stipulato un accordo per avere un acconto anticipato delle somme fino ad un milione e 350mila euro con una restituzione programmata negli anni successivi, scalando esattamente la metà di quanto “Acqua & Sole” si è impegnata a versare al Comune annualmente. Ad esempio, ipotizzando che l’azienda debba pagare al Comune di Vellezzo 200mila euro all’anno, questo milione di euro, anziché restituirlo a 200mila euro all’anno per 5 anni, sarebbe rimborsato da parte del Comune con 100mila euro all’anno in 10 anni, mentre altri 100mila euro sarebbero comunque erogati dalla stessa azienda a beneficio del Comune.

L’accordo prevede che questo acconto anticipato possa essere richiesto dal Comune alla società “Acqua & Sole” in qualsiasi momento, dando all’Ente pubblico la possibilità di riceverlo sottoforma di finanziamento in denaro oppure di ottenerlo in opere pubbliche (come, appunto, un nuovo edificio scolastico).

«L’esame delle opzioni è attualmente al vaglio dell’Amministrazione comunale e noi siamo decisi a dare ai cittadini una nuova scuola prima del 2020», è l’intenzione del Sindaco Graziano Boriotti, «sul futuro nessuno ha la sfera di cristallo ma noi stiamo lavorando per mettere insieme tutte le risorse possibili per portare a compimento un’opera che i concittadini aspettano da troppo tempo».

In allegato un’immagine relativa alla notizia in oggetto.

* * *

Per contatti e segnalazioni:

Damiano NegriCell. 335 1457216 – E-mail: damiano.negri@gmail.com

Related Posts