Soddisfazione dall’Azienda “Acqua & Sole”, promotrice della costruzione dell’impianto per lo smaltimento dell’eternit piemontese, secondo quanto previsto dal Piano Amianto di Regione Piemonte. «Il nostro pensiero rimane quello di creare le condizioni per cui la nostra iniziativa possa generare valore aggiunto per il territorio che ci ospita, amministrazioni locali e operatori economici»

Comunicato Stampa – Domenica 28 luglio 2019

VELLEZZO BELLINI – L’Azienda “Acqua & Sole” ha accolto con soddisfazione la sentenza del TAR il quale, accogliendo il ricorso presentato dalla stessa, ha annullato la determinazione della Provincia di Biella che bloccava la costruzione della discarica di cemento amianto in frazione Brianco – Comune di Salussola – destinata allo stoccaggio delle coperture in eternit.

L’intervento, già valutato positivamente dal Ministero dello Sviluppo Economico, era stato presentato dall’Azienda pavese con la relativa richiesta di autorizzazione il 16 maggio 2017, recependo la sollecitazione della Regione Piemonte contenuta nel Piano Amianto 2016-2020, per rispondere alle necessità del territorio piemontese: Regione Piemonte, infatti, prevede la creazione di impianti idonei alla messa in sicurezza dei manufatti in eternit entro il 2020, accelerando la loro completa rimozione dal territorio regionale entro il 2028, pena l’avvio di una procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea, con relative pesanti sanzioni a carico della collettività e quindi dei singoli cittadini.

«Siamo sicuramente soddisfatti della sentenza del TAR ed oggi il nostro pensiero è ancora di più rivolto alla creazione delle condizioni per cui la nostra iniziativa possa generare valore aggiunto per il territorio che ci ospita, amministrazioni locali e operatori economici», è il commento di “Acqua & Sole”. «A questo proposito, ribadiamo la nostra priorità e disponibilità nel trovare le migliori forme di valorizzazione di un comprensorio che da domani potrebbe diventare anche sede di produzione, e quindi anche nostro territorio».

«Occorre che gli amministratori», continua l’azienda “Acqua & Sole”, «oggi più che mai siano consapevoli che questo intervento non debba essere più visto come un problema per il territorio ma come una grande opportunità anche per l’occupazione locale, e ci rammarica che l’iter di costruzione abbia subito delle battute d’arresto a causa del ricorso, accumulando un notevole ritardo. Il rischio sanitario connesso all’obsolescenza dell’amianto resta una priorità da affrontare e risolvere il più presto possibile per tutelare la salute pubblica. E il Brianco si presta come sito tecnicamente idoneo per tale finalità».

L’INVESTIMENTO PREVISTO

“Acqua & Sole” ha intenzione di destinare alla realizzazione dell’intervento oltre 25 milioni di euro, con relativa creazione di nuovi posti di lavoro e di un indotto, oltre ad agevolazioni e convenzioni per cittadini e imprese di Salussola e per tutti i fabbricati pubblici ed ecclesiastici del biellese che dovranno obbligatoriamente essere bonificati dalle coperture in eternit, ancora molto numerose, per adeguarsi alle Direttive Europee.

Per promuovere la bonifica del territorio, inoltre, era iniziato un percorso di collaborazione con le aziende edili del biellese attive nel campo della rimozione e sostituzione delle coperture. L’Azienda si era infine impegnata, a titolo di liberalità – in quanto non connessa alle esigenze di progetto – a realizzare una rotatoria stradale mettendo in sicurezza l’innesto della Strada Provinciale 143 con la Strada Provinciale 322.

All’indomani della sentenza del TAR, «rimaniamo ancora più convinti della necessità di tale iniziativa, animati dalla ferma volontà di trovare con tutti gli attori politici ed economici locali la strada migliore per consolidare intorno ad un intervento di primaria importanza una forte iniziativa di valorizzazione del territorio», conclude l’Azienda “Acqua & Sole”.

In allegato una veduta esterna dell’impianto “Acqua & Sole” di Vellezzo Bellini.

* * *

Per contatti e segnalazioni:

Damiano NegriCell. 335 1457216 – E-mail: damiano.negri@gmail.com

Related Posts